aleablog

venerdì 29 marzo 2013

Venerdì prima della Pasqua

Oggi la Chiesa invita i suoi figli a fare memoria della Passione di Gesù.

Se facciamo parte di questo popolo, troviamo un momento, un gesto, per immedesimarci in questo avvenimento decisivo per la storia personale di tutti noi, che segna la strada per affrontare la vita con una speranza invincibile.
Se invece il rintocco della campane quest'oggi è per noi motivo di sconcerto, o di indifferenza, o di ribellione, troviamo un momento per ascoltare la domanda di significato, di compagnia amorosa che abbiamo dentro, insopprimibile, nonostante le circostanze tristi e faticose che la vita ci mette davanti.

L'illustrazione è tratta da una Via Crucis dipinta a Betlemme nel XIX secolo di un ignoto pittore francescano.
Stampa questo post

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Grande Professore. Questo mondo ha bisogno di riaprire i cuori a Dio, qualunque sia il suo nome, il suo colore e la sua forma. Da Cristiano, mi sento di dire che questa sera è una delle serate dell'anno che più mi piace e la solenne processione ha quel profumo di eterno che lascia sperare. Buona Pasqua a tutti

Nicola T. ha detto...

Quando Dio mandò la decima piaga sul popolo di Egitto (la morte dei primogeniti), Israele ne fu immune, non perché si chiamava Israele, ma perché sugli stipiti delle loro case c'era il sangue dell'agnello. Quel segno, quel sangue, quel sacrificio si riassume nel sacrificio di Gesù Cristo che e' la nostra pasqua che e' stata immmolata, per dirla con l'apostolo Paolo. Dunque ancora oggi, non basta appartenere ad una religione, perché senza il segno di quel sangue asperso sul cuore, non c'e' salvezza. Che davvero la pasqua torni ad essere un momento di riflessione che conduca alla conversione, ma quella vera, quella che possa farci dire: la mia vita non sara' piu' la stessa. Auguri a tutti di cuore.

Luca Erzegovesi ha detto...

@Nicola: come ha detto Papa Francesco questa sera alla fine della Via Crucis, l'amore di Gesù è senza confini, siamo soltanto noi che possiamo condannarci rifiutandolo. Buona Pasqua!