aleablog

lunedì 24 marzo 2014

Ancora dalla Lombardia: programma di abbattimento tassi associato a fondo di garanzia per la filiera della ricettività in vista di Expo 2015

Dopo aver letto le Linee guida sul sistema lombardo della garanzia, girando tra i Bollettini regionali mi è cascato l'occhio su questo del 18 marzo: da pag. 53 contiene i decreti del DG del settore Commercio relativi al Programma Lombardia concreta, che prevede  l’abbattimento interessi per investimenti nella filiera della ricettività in vista di Expo 2015 e un fondo di garanzia da distribuire tra i confidi 107 per coprire i rischi sui prestiti che beneficiano degli abbattimenti di tasso.

L'Expo è l'esposizione universale, ma il programma qui considerato è molto particolare, concreto (letteralmente). La Regione gli assegna una dotazione di 10 milioni per abbattimento tassi e una di 2,4 milioni per "fondo plafond" di garanzia. La seconda sarà distribuita a confidi nella misura del 5% delle garanzie rilasciate su finanziamenti ammessi all'abbattimento tassi. I fondi sono gestiti da Finlombarda, che li assegnerà seguendo le regole del bando allegato al Decreto in oggetto. I criteri per il fondo plafond prevedono che i confidi beneficiari rispondano ai seguenti requisiti

  1. essere iscritti all’elenco di cui all’art. 107 del TUB; 
  2. avere sede operativa in Lombardia; 
  3. avere un Total capital ratio (Totale patrimonio di vigilanza/attività di rischio ponderate) uguale o superiore al 9%; 
  4. avere un surplus patrimoniale, inteso come differenza tra il capitale minimo regolamentare necessario (6% dell’ RWA - Risk Weighted Asset) e il patrimonio di vigilanza effettivo, uguale o superiore ad € 5.000.000,00.
L'Expo è un appuntamento importantissimo e non posso che apprezzare qualsiasi azione intesa a farci fare bella figura nella filiera delle ricettività. I 2,4 milioni assegnati al fondo plafond sono un cifra rispettabile (nelle Linee guida sul sistema della garanzia, la Regione prevede un budget di risorse per i confidi di 40 milioni per il 2014, compresi i fondi Unioncamere). I criteri sono severi, in modo da assicurare la solidità delle garanzie erogate. Tuttavia, sarei curioso di conoscere l'elenco dei confidi 107 lombardi che li soddisfano.

L'esempio mi ispira. Quasi quasi metto un annuncio sul Corriere nei "matrimoniali", con una serie di requisiti che disegnano inequivocabilmente l'identikit di mia moglie. Sarò contentissimo quando risponderà all'annuncio e verrà da me, come Innocenzo Smith, il protagonista del Manalive di Chesterton. Potrò riconfermarle tutto il mio affetto, e nessun Garante della concorrenza potrà turbare la serenità della nostra unione (invece l'annuncio, vero, di cui sopra un po' lo corre, quel rischio).



Stampa questo post

2 commenti:

Gennaro Stennacchione ha detto...

Pur'i' vulesse nu programma "Campania concreta" pe' n'amico mio pizzaiuolo. Ma le posso di' "Vaje a Milano addo' 'o Expò, ca te trovano 'nu posto dint'a filiera della ri-cet-ti-vi-tà"

Anonimo ha detto...

Direttore, Assessore, siamo un circolo di merciai e passamanieristi ambulanti in pensione. Ci piacerebbe fare una gita sociale all'Expo. Le avanza un 50 mila euro per un decreto da amico? In cambio le regaliamo un rotolo di fascia elastica del 1964 che tiene insieme anche i confidi 106 nei contratti di rete